Vallone del Piz e Talarico (CN)

24 Settembre 2020 – 26,1 km

Taccuino di marcia:

 
Previsioni del tempo non buone per il pomeriggio. Ma sino alle 17 forse non pioverà….
Scelgo un percorso che abbia tante varianti, possibili vie di fuga e non troppo in quota, insomma cambio itinerario.
 
Quando sono dentro al Vallone del Piz, al piano della Regina l’aria è piena di echi che si rincorrono: i bramiti dei cervi.
Questo suono continuo, lamentoso e imperioso è per me una scoperta. 
Mi sento un po’ come Sylvain Tesson  che sceglie di vivere l’isolamento in Siberia e la descrive nel libro che ho sul comodino “Nelle foreste siberiane”, quando entra in contatto con i versi degli animali.
Con la colonna sonora di un canto d’amore selvatico e sincero il Vallone del Piz ha un fascino esotico, anche se lo conosco come le mie tasche.
Sulla strada che spiana c’è un vecchio amico del percorso: un immenso larice, monumento vero, testimone del tempo e nel tempo.
 
I tornanti della strada militare risalgono il passo delle Scolettas e poi giù si scende verso i Prati del Vallone, protetti dai contrafforti dell’Ubac. E mi sento protetta anche io da queste cime, sulle quali sono salita tante volte in altri anni, conservando la memoria di alcuni tra i momenti più belli della mia vita.
 
Arrivo a Sambuco che dal fondovalle tira su aria di tempesta. Sotto la doccia sento che fuori piove.
Nella notte sulle cime arriverà la prima neve della stagione.

Ripercorri il cammino…

Guarda le uscite già effettuate